Gola Classics Redford Neo Tracolla Azzurro / Rosa / Fucsia

B00HJMNH8E
Gola Classics Redford Neo Tracolla Azzurro / Rosa / Fucsia
  • borse da donna
  • Tomaia: pelle scamosciata
  • Materiale interno: sintetico
  • suola: gomma
  • Chiusura: lacci delle scarpe
  • forma del tallone: ​​piatta
Gola Classics Redford Neo Tracolla Azzurro / Rosa / Fucsia Gola Classics Redford Neo Tracolla Azzurro / Rosa / Fucsia Gola Classics Redford Neo Tracolla Azzurro / Rosa / Fucsia Gola Classics Redford Neo Tracolla Azzurro / Rosa / Fucsia
Lora Dora Herren Basketballschuhe Denim / Blu Scuro Plimsoles
Borsetta Da Donna Ischia Bologna Ampio G Mocassino Blu oceano
Fanhappygo Classico Retrò In Pelle Donna Tracolla Borse A Spalla Borse Da Sera Borsa Messenger Grigio
Bankleitzahlen Six Basic Noble Large Black Matte Borsa A Tracolla Con Dettagli Dorati Ladies Handbag Shopper School Office A4 427797
Hippowarehouse Borsa Da Spiaggia Da Donna Classica Rosa
Pecora Nera Borsa Di Stoffa / Borsa Verde

Le regole dell’Euro sono scritte nei trattati, quelli che pochi hanno letto e ancora meno compreso.

Quelle regole rendono evidente che l’Euro non è solo una moneta, bensì una precisa impostazione ideologica: quella dell’ordoliberismo.

Le anime ingenue di questa cruda realtà non vogliono rendersi conto – magari sta loro pure bene – e continuano a pensare che disoccupazione, precarietà, redditi bassi, stagnazione economica, siano frutto del caso cinico e baro.

Così deve intervenire la BCE a chiarire i termini della questione. Lo ha fatto con Draghi nel 2014 a Gerusalemme e lo ha fatto il 20 luglio con un tweet in inglese, dove è resa chiara, con poche parole, la missione della BCE: la  stabilità dei prezzi NON occupazione e crescita.

La conseguenza è chiara: le politiche dei singoli Paesi su occupazione e crescita sono consentite solo se non impattano sulla stabilità dei prezzi.

La volontà democratica dei popoli nulla può per modificare questa realtà, perché a decidere alla fine è chi detiene la moneta, e chi la detiene è la BCE, non i singoli governi, i quali possono soltanto adattarsi.

Non comprendere questo significa esprimere vuoti slogan contro austerità, neoliberismo, precarietà, povertà, buoni per sentirsi a posto con la coscienza di appartenenza, ma prive di significato reale.

Discutiamone.

Democrazia in Movimento.

Oggi, alcuni mafiosi siciliani, lo vorrebbero morto e sepolto. “Se non muoiono tutti e due (Riina e Provenzano, ndr), luce non ne vede nessuno”,  dice a basa voce Santi Pullarà , figlio di Ignazio, storico reggente del clan di Santa Maria di Gesù, durante una discussione sull’ennesima crisi di salute dei criminali corleonesi. “Lo so, non se ne vede lustro”, ribatte a quel punto sconsolato lo “zio Mari’’, cioè Mario Marchese, considerato l’ultimo capomafia di Villagrazia. “E a questi due niente li frega”, aggiunge sconfortato. Come a dire che per rilanciare cosa nostra, bisognerebbe esonerare presidente e allenatore.

Provenzano è morto a 83 anni il 13 luglio del 2016.  Borsa Tradizionale Borsa A Mano Lederhosen Borsa A Tracolla In Pelle Nera
. Tuttavia, nonostante le sue condizioni di salute, secondo gli esperti sarebbe ancora oggi in cima alla catena di comando di cosa nostra.

Aree
Rubriche
Redazione Servizi