Sacchetto Di Stoffa Gufo Colorato Borsa Da Trasporto Carino Con Puntini Di Karos Stripe Gufo Retrò Diverso Colore Giallo

B00C4BA3IW
Sacchetto Di Stoffa Gufo Colorato Borsa Da Trasporto Carino Con Puntini Di Karos Stripe Gufo Retrò Diverso Colore Giallo
  • borse da donna
  • Materiale superiore: cotone
Borsa In Stoffa Di Juta Colorata In Jacquard Borsa Da Trasporto Colorata Gufo Con Pois Karos A Righe Gufo Retro Diverso Colore Blu Bianco
Uncategorized Paio Di Scarpe Di Sicurezza Taglia 38 Nero Cofra Piave S1 P Src
Blugirl Borsa A Spalla Da Donna Nero Nero Taglia Unica
Sprichwörter Sternzeichen Tempesta Viola Borsetta Da Donna Grigia

Le regole dell’Euro sono scritte nei trattati, quelli che pochi hanno letto e ancora meno compreso.

Quelle regole rendono evidente che l’Euro non è solo una moneta, bensì una precisa impostazione ideologica: quella dell’ordoliberismo.

Le anime ingenue di questa cruda realtà non vogliono rendersi conto – magari sta loro pure bene – e continuano a pensare che disoccupazione, precarietà, redditi bassi, stagnazione economica, siano frutto del caso cinico e baro.

Così deve intervenire la BCE a chiarire i termini della questione. Lo ha fatto con Draghi nel 2014 a Gerusalemme e lo ha fatto il 20 luglio con un tweet in inglese, dove è resa chiara, con poche parole, la missione della BCE: la  stabilità dei prezzi NON occupazione e crescita.

La conseguenza è chiara: le politiche dei singoli Paesi su occupazione e crescita sono consentite solo se non impattano sulla stabilità dei prezzi.

La volontà democratica dei popoli nulla può per modificare questa realtà, perché a decidere alla fine è chi detiene la moneta, e chi la detiene è la BCE, non i singoli governi, i quali possono soltanto adattarsi.

Non comprendere questo significa esprimere vuoti slogan contro austerità, neoliberismo, precarietà, povertà, buoni per sentirsi a posto con la coscienza di appartenenza, ma prive di significato reale.

Discutiamone.

Democrazia in Movimento.

Oggi, alcuni mafiosi siciliani, lo vorrebbero morto e sepolto. “Se non muoiono tutti e due (Riina e Provenzano, ndr), luce non ne vede nessuno”,  dice a basa voce Santi Pullarà , figlio di Ignazio, storico reggente del clan di Santa Maria di Gesù, durante una discussione sull’ennesima crisi di salute dei criminali corleonesi. “Lo so, non se ne vede lustro”, ribatte a quel punto sconsolato lo “zio Mari’’, cioè Mario Marchese, considerato l’ultimo capomafia di Villagrazia. “E a questi due niente li frega”, aggiunge sconfortato. Come a dire che per rilanciare cosa nostra, bisognerebbe esonerare presidente e allenatore.

Provenzano è morto a 83 anni il 13 luglio del 2016.  Ciabatte In Peluche Morbide Unicorno Arcobaleno Fantasia Volpe Su Adulto Compatibile Con Taglia Europea 3742 Rosa Chiaro
. Tuttavia, nonostante le sue condizioni di salute, secondo gli esperti sarebbe ancora oggi in cima alla catena di comando di cosa nostra.

Aree
Rubriche
Redazione Servizi